top of page

Relazione tra Parkinson e voce bassa


Uno dei sintomi meno noti, ma comunque significativi, della malattia di Parkinson è la voce bassa, spesso descritta come ipofonia. Questo problema non è principalmente un problema motorio, funzionale o muscolare, ma piuttosto percettivo. Molti pazienti con Parkinson non percepiscono correttamente il volume della propria voce, il che può portare a difficoltà di comunicazione.


Perché la voce diventa bassa nei pazienti con Parkinson:

  • Percezione alterata: Nei pazienti con Parkinson, il cervello può avere difficoltà a valutare correttamente l'intensità e il volume della propria voce. Questo significa che, mentre il paziente può pensare di parlare a un volume normale, in realtà sta parlando a un volume molto più basso.

  • Rigidità e lentezza: Sebbene la rigidità muscolare e la bradicinesia (lentezza dei movimenti) possano influire sui muscoli della laringe, la percezione alterata gioca un ruolo maggiore nel problema della voce bassa.

  • Mancanza di feedback: Poiché i pazienti non percepiscono la loro voce come bassa, non ricevono il feedback necessario per correggere il volume durante la conversazione.

Conseguenze della voce bassa:

  • Difficoltà di comunicazione: La voce bassa può rendere difficile per i pazienti comunicare efficacemente con amici, familiari e colleghi, portando a frustrazione e isolamento sociale.

  • Incomprensioni: Le persone intorno al paziente possono avere difficoltà a comprendere ciò che viene detto, il che può causare incomprensioni e frustrazioni reciproche.

  • Riduzione dell'autostima: La difficoltà nel comunicare può portare a una riduzione dell'autostima e a un senso di impotenza.

Strategie per affrontare la voce bassa:

  1. Terapia del linguaggio:

  • LSVT LOUD: Una terapia specifica per i pazienti con Parkinson è la Lee Silverman Voice Treatment (LSVT LOUD). Questa terapia si concentra sull'aumento della percezione del volume vocale e sull'uso di esercizi per migliorare la forza e l'intensità della voce.

  • Esercizi vocali: Un logopedista può insegnare esercizi vocali per migliorare il controllo del volume e della qualità della voce.

  1. Feedback uditivo:

  • Registrazione della voce: Registrare la propria voce durante una conversazione e riascoltarla può aiutare i pazienti a prendere coscienza del volume della loro voce e a correggerlo di conseguenza.

  • Dispositivi di amplificazione: L'uso di dispositivi di amplificazione vocale può aiutare a migliorare la comunicazione, specialmente in ambienti rumorosi.

  1. Supporto psicologico:

  • Gruppi di supporto: Partecipare a gruppi di supporto può aiutare i pazienti a condividere le loro esperienze e a trovare soluzioni pratiche per affrontare la voce bassa.

  • Consulenza psicologica: La consulenza può aiutare i pazienti a gestire le frustrazioni legate ai problemi di comunicazione e a migliorare la loro autostima.

Ricorda: Affrontare la voce bassa nel Parkinson richiede un approccio multifattoriale che includa terapia del linguaggio, feedback uditivo e supporto psicologico. È importante che i pazienti e i loro familiari comprendano che la voce bassa è un problema percettivo e che ci sono strategie efficaci per migliorare la comunicazione.

Pazienti Parkinson Italia

39 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page